Archivio dell'autore: allorizzonte

Fuga

Chiunque nasce a morte arriva nel fuggir del tempo; e ‘l sole niuna cosa lascia viva. Andavo rigirando tra le dita la poesia che Ettore mi aveva consegnato, con fare un poco misterioso. Un sonetto di Michelangelo, aveva aggiunto. Sapeva … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Al poeta impeccabile

“Al poeta impeccabile”. Recita così la dedica di Baudelaire a Gautier, aprendo quelle poesie malsane. Impeccabile sta per inappuntabile, perfetto. Ma anche lontano dal peccare. E’ questo significato che mi bloccò sulla soglia dei celebri versi, tanti anni fa, impedendomi … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Anima

L’infanzia non seppe parlare la lingua appresa tardi. E tacque. Al Chaos secondo figura io preferii le linee di confine, i margini, gli orli. Il baratro si era fatto gentile, in compagnia dell’accaduto. Vi faceva capolino il futuro, sornione. Anima … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

In bilico

Nicholas mi chiese di scegliere un nome. ‘Ico’, annunciai entusiasto. Che era Federico ma anche Bilico. In bilico. Vi rimasi un pomeriggio intero, sul cornicione della mia esistenza. Infine rincasai, soddisfatto e radioso. Meglio sarebbe stato suicidarsi allora, pensai anni … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Aspetta

Un presepio singolare, il nostro, in attesa di essere ricomposto appena oltre l’argine della vita. Ne avevo colta l’esistenza il giorno in cui mi presi per mano, ancora una volta. Lasciai a me stessa il compito di confidare l’essere ulteriore. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Sparizione

Finalmente ho raggiunto l’infiorescenza della perdita. Le tolsi di dosso le vesti di un attimo e restai a guardare. Nel verde, mi persi. Nel verde. Verità. (immagine, Samantha Zanardo)

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Bianco

Un tempo, mi capitò di giungere mentre attendevo. Ebbe la consistenza di un sogno che faceva finta di nulla. E la fragranza del pane, quando è appena sfornato. Non vi era niente di così lontanamente umano come pietra sopra pietra, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento