Al figlio

Al figlio il mare sospinge,
fino a che terra canta.
Le radici del foglio di carta,
aprono alla danza.

Raggi di sole e le fessure
dell’arcobaleno, prima che il cielo
faccia penitenza.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Al figlio

  1. UnaMusaQualunque ha detto:

    Le dolci penitenze, talvolta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...