Sembra parlare di te, ma non saprei dirti il perché

Ne avevano discusso a lungo, il filo d’erba e la luna. Non si erano mai arresi, serbandosi l’un l’altra e rincuorandosi nella solitudine.
Cedettero il passo al sopravvento, consegnata l’anima al tepore degli istanti in cui, tremanti, provavano a darsi le spalle, scoprendosi seducenti e fragili.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Sembra parlare di te, ma non saprei dirti il perché

  1. poetella ha detto:

    Torno a dire:
    delizioso!

  2. ER. ha detto:

    Non leggevo un testo così soave da molto tempo. Perfetto nella sintassi e nei termini, lirico e profondo nel significato, delizioso ( cito Poetella) nelle immagini evocate. Francesco io l’ammiro molto.

  3. ER. ha detto:

    L’ha ribloggato su GLI UOMINI CHE SI VOLTANOe ha commentato:
    Un raro esempio di poesia d’amore che non sfigura davanti alla fragile eternità di quel sentimento. Un grande breve testo

  4. Pingback: Sembra parlare di te, ma non saprei dirti il perché | LA LONTANANZA

  5. gelsobianco ha detto:

    Davvero notevole questo breve testo.
    Mi ha colpito nelle mie passeggiate notturne.
    E’ bellezza, sì.
    gb
    Grazie.
    Torno.

    • allorizzonte ha detto:

      Gelsobianco, perché non provi a raccontare il tuo incontro notturno con il brano?

      • gelsobianco ha detto:

        Perché chiedi questo a me, proprio a me? E’ solo una mia curiosità.

        Come non essere colpita da “il filo d’erba e la luna”?
        Questa immagine canta suona con una delicatezza rara.
        L’amore di fronte alla fragilità e alla forza dell’amore, di fronte al suo essere istanti ed eterno… in un breve scritto colmo con una scrittura bella ed evocativa, con la “semplicità” che piace a me (quella “semplicità” che non è mai punto di partenza)
        Finalmente l’amore descritto con profondità, dolcezza vera e non ovvietà.
        Apprezzo moltissimo anche il titolo.
        Ecco, questo è il mio incontro notturno con il tuo brano, con la sua bellezza.
        E forse ti scriverò ancora qualche altra mia sensazione.
        🙂
        gb

      • allorizzonte ha detto:

        Lo chiesi a te, perché proprio te, e non altri, si è soffermata qui a raccontare di un “incontro notturno” che mi ha incuriosito. E’ così che parole nuove si avvicendano all’orizzonte.

        Grazie, di cuore.

      • gelsobianco ha detto:

        Grazie a te.
        🙂 gb

      • gelsobianco ha detto:

        Spero che il mio racconto del incontro notturno tra me e il tuo brano sia stato di tuo gradimento.
        Te farò altri se vorrai perché io “viaggio” di notte molto spesso. 😉 🙂
        A presto.
        gb
        Buona nuova settimana.

      • gelsobianco ha detto:

        dell’incontro (mio refuso)
        scrivo di getto pensando a mille modi di esprimere ciò che voglio e… non rileggo prima di postare.
        chiedo scusa
        gb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...