Delirio

Il mondo, sull’orlo della fine. Il Sole, dopo miliardi di anni, incominciò a contrarsi, per poi espandersi, per poi tornare a contrarsi, infine espandendosi di nuovo fino a divenire dieci volte più grande nel cielo fattosi vampa e calore. Immerso nel caos e nella disperazione delle genti ebbi un sussulto, trovai una jeep abbandonata in una delle vie della metropoli e la guidai fino ad un’altura fuori città. Ansioso di fronteggiare il prodigio di morte giunsi ad uno spiazzo, tra gli arbusti che ricoprivano la cima. Scesi a terra e mi rivolsi al Sole, accecante nel riverbero, e lo sfidai apertamente, senza timore, consapevole della mia potenza.

Eccomi, sono qui. Ti stavo aspettando, da miliardi di anni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Delirio

  1. solounoscoglio ha detto:

    avevi messo una buona crema solare, prima di far ciò? 😉

  2. poetella ha detto:

    se l’era messa il sole una buona crema solare…per non restare… scottato da cotanta potenza!

  3. lucianaricci ha detto:

    Delirio di potenza ma anche paura, come l’animale che di fronte al pericolo si gonfia e si finge più forte.Il sole come controparte: è un farsi gigante per sottrarsi all’oblio della morte

  4. bakanek0 ha detto:

    Questo scritto fa rumore. Un bel rumore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...