Equivocare, ammaliare

La mia passata grandezza si fonda su di un equivoco: anch’essa poggia su resti gloriosi, i quali a loro volta si issano su macerie e fango.
L’infanzia, come un megafono rivolto verso il centro della terra, agita di tanto in tanto i monumenti del mio ego.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Equivocare, ammaliare

  1. poetella ha detto:

    “che anch’essa poggiava”

    meglio che anch’essa poggiasse…
    No?

    per il resto…ok

  2. massimolegnani ha detto:

    è così, crediamo d’innalzarci ma poggiamo la scala su letame e fango. ml

  3. stileminimo ha detto:

    I resti gloriosi dovrebbero venir tolti da quei basamenti di macerie e fango; come si mette mano a Pompei, occorre metter mano anche ai resti gloriosi, no? Per prevenirne l’inabissamento.

  4. alegbr ha detto:

    Grande visionario, sei.

    A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...